Service Learning: Cosa è

Il Service Learning è un approccio pedagogico, recentemente sviluppatosi in Italia, che coniuga sistematicamente e intenzionalmente apprendimento e servizio; discipline e impegno solidale si integrano in un circolo virtuoso che tende alla soddisfazione di un bisogno reale della comunità attraverso l’applicazione di saperi e di competenze, consentendo allo stesso tempo l’acquisizione di nuove conoscenze e la maturazione di nuove competenze… sul campo. Competenze disciplinari e interdisciplinari che coinvolgono in maniera significativa l’assetto ordinamentale del Sistema Nazionale di Istruzione.

Tre le caratteristiche fondanti dell’approccio: centralità del curricolo, centralità del servizio, centralità dello studente.

È centrale il ruolo degli studenti impegnati in tutte le fasi dell’attività di SL: dall’identificazione del bisogno sociale, alla progettazione di possibili strategie di risoluzione, alla valutazione dell’impatto e della soddisfazione del contesto.

È centrale il ruolo del curricolo sia per l’impiego dei saperi che sintetizza anche in termini di discipline curriculari, sia per l’integrazione assoluta con l’attività solidale.

È centrale il servizio come azione nel contesto sociale finalizzata a contribuire alla risoluzione di un problema/bisogno.

Centralità che rispecchiano l’essere comunità di un sistema scolastico che intende riaffermare le sue finalità formative ed educative più elevate e più volte ribadite in documenti internazionali e nazionali: imparare a conoscere, a fare, a vivere insieme, ad essere (J. Delors, Nell’educazione un tesoro – 1997): scuola quindi  vero e reale motore di crescita e miglioramento della Comunità e del Paese.

Centralità della “scuola nella società della conoscenza [per] innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti, rispettandone i tempi e gli stili di apprendimento, per contrastare le diseguaglianze socio‐culturali e territoriali, per prevenire e recuperare l'abbandono e la dispersione scolastica, per realizzare una scuola aperta, quale laboratorio permanente di ricerca, sperimentazione e innovazione didattica, di partecipazione e di educazione alla cittadinanza attiva, per garantire il diritto allo studio, le pari opportunità di successo formativo e di istruzione permanente… (L. 107/2015).

Si assume così come definizione condivisa e partecipata la descrizione del Service Learning che propone una delle più autorevoli autrici internazionali in materia di Service Learning, l’argentina Nieves Tapia, per la quale il Service Learning potrebbe essere definito come “un insieme di progetti o programmi di servizio solidale (destinati a soddisfare in modo delimitato ed efficace un bisogno vero e sentito in un territorio, lavorando con e non soltanto per la comunità), con una partecipazione da protagonisti degli studenti, che va dalla fase iniziale di pianificazione fino alla valutazione conclusiva e collegato in modo intenzionale con i contenuti di apprendimento (includendo contenuti curricolari, riflessioni, sviluppo di competenze per la cittadinanza e il lavoro)..” (M.N.Tapia, 2009).


Pubblicata il 17 marzo 2017

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.